Quali gite vorresti fare quest’anno?

Controlla il nostro programma estivo e se sei interessato compila il modulo di pre-iscrizione


#E01

domenica 15 aprile 2018

La perla del Delta, ieri il sale, oggi la biodiversità: la Salina di Comacchio

Claudio Simoni, Daniele Nasci

martedì 20 mar

#E02

NUOVA DATA domenica 20 maggio 2018

Via dei vulcani di fango e Salse di Nirano

Elena Bonora, Valeria Legato, Claudio Simoni

martedì 10 apr

#E03

domenica 13 maggio 2018

Valle dei Mochèni – Lago Erdemolo: natura selvaggia e cultura

Carlo Forlani, Elisa Rovatti, Francesco Galli

martedì 17 apr 

#E04

da mer 30 mag 2018 a dom 03 giu 2018

Trekking nel parco del Pollino

Valeria Ferioli, Giovanni Morelli

da definire

#E05

domenica 10 giugno 2018

Giro delle 3 cime del Bondone

Andrea Benussi, Tiziano Dall’Occo

martedì 15 mag

#E06

domenica 24 giugno 2018

Val Pramper – Belvedere di Mezzodì

Gabriele Villa, Alessandro Zerbini

martedì 29 mag

#E07

da sab 07 lug 2018 a dom 08 lug 2018

Ferrata Bepi Zac

Claudio Neri, Daniele Guzzinati

martedì 12 giu

#E08

domenica 15 luglio 2018

Col dei Bos / Val travenanzes

Tiziano Dall’Occo, Ruggero Boaretti, Daniele Guzzinati

martedì 19 giu

#E09

da sab 28 lug 2018 a dom 29 lug 2018

Ferrata Schuster

Leonardo Caselli

martedì 03 lug

#E10

da sab 18 ago 2018 a mar 21 ago 2018

Trekking tra le morene degli antichi ghiacciai

Beatrice Bonilauri, Elisa Rovatti, Francesco Galli

martedì 26 giu

#E11

da sab 25 ago 2018 a dom 26 ago 2018

Bocchette centrali

Claudio Simoni, Daniele Guzzinati

martedì 31 lug

#E12

da sab 22 set 2018 a dom 23 set 2018

Giro del Mulaz

Claudio Neri, Daniele Guzzinati

martedì 28 ago

#E13

domenica 07 ottobre 2018

Piccole dolomiti

Donatella Succi Cimentini, Claudio Simoni, Ruggero Boaretti

martedì 11 set

#E14

domenica 14 ottobre 2018

Interregionale – Tutti i sentieri portano alla Pietra di Bismantova

da definire

martedì 18 set

#E15

domenica 28 ottobre 2018

Gita di fine stagione

Gita di fine stagione

martedì 02 ott

#E16

Data da definire

Marcia per la Pace Perugia – Assisi

Gianna Tebaldi

da definire

Descrizione completa delle escursioni 2018

domenica 15 aprile 2018

La perla del Delta, ieri il sale, oggi la biodiversità: la Salina di Comacchio

domenica 15 aprile 2018 - La perla del Delta, ieri il sale, oggi la biodiversità: la Salina di Comacchio

Organizzatori: Claudio Simoni, Daniele Nasci

Gita di un giorno per 1 comitiva

Descrizione

L’appuntamento annuale nel Parco del Delta, quest’anno ci porta a visitare la Salina di Comacchio, che si trova all’estremità nord-orientale delle Valli e vi accederemo dal Lido degli Estensi. E’caratterizzata da elementi di assoluto pregio ambientale ed è sottoposta ad un articolato sistema di vincoli: tra i quali: zona B di protezione generale del Parco Regionale del Delta del Po, sito di importanza comunitaria (SIC) e zona di protezione speciale (ZPS) e, da quest’anno, è riconosciuta anche come zona MAB Unesco, insieme a tutto il territorio del Delta del Po. L’accesso alla Salina non è libero e saremo accompagnati da una Guida della società che la gestisce, per la durata di circa tre ore. Finita la visita sarà ora della “merenda al sacco”, poi ci incammineremo su argine fino a Stazione Foce e proseguiremo fino a Comacchio, dove troveremo il pullman.

Difficoltà: T, Turistica;
Dislivelli: pianeggiante
Tempo di percorrenza: 4-5 ore soste escluse
Partenza: ore 7.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 20 marzo 2018

Scarica la relazione completa

NUOVA DATA!

domenica 20 maggio 2018

Via dei vulcani di fango e Salse di Nirano

domenica 29 aprile 2018 - Via dei vulcani di fango e Salse di Nirano

Organizzatori: Elena Bonora, Valeria Legato, Claudio Simoni

Gita di un giorno per 1 comitiva

Descrizione

L’escursione parte dal Comune di Sassuolo, ai piedi delle colline più basse dell’appennino modenese. Si percorrono i colli fiancheggiando i campi coltivati fino a raggiungere le loro sommità da cui, nelle giornate più limpide, si può godere della vista sulla pianura padana, oltre che sui colli circostanti, caratterizzati da forme calanchive notevoli. Il percorso, che rappresenta la parte centrale della “via dei Vulcani di fango” termina nel Parco Naturale delle Salse di Nirano. All’interno del parco si potranno ammirare i “vulcani” che danno il nome alla via e che si originano da depositi di idrocarburi principalmente gassosi (bolle di metano) e in piccola parte liquidi (petrolio), che, venendo in superficie, stemperano le argille e danno luogo alle tipiche formazioni a cono. All’interno di queste strutture, che arrivano fino a circa 2 m di altezza, si possono osservare emissioni di fango miste ad idrocarburi che paiono ribollire, anche se in realtà fuoriescono a temperatura ambiente e sono salate, da qui il nome “Salse”. Queste manifestazioni gassose sono tra le più grandi e meglio conservate d’Europa.

Difficoltà: T, Turistica;
Dislivelli: salita 300 metri; discesa 250 metri;
Tempo di percorrenza: 5 ore soste escluse
Partenza: ore 7.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 10 aprile 2018

Scarica la relazione completa

domenica 13 maggio 2018

Valle dei Mochèni – Lago Erdemolo: natura selvaggia e cultura

domenica 13 maggio 2018 - Valle dei Mochèni – Lago Erdemolo: natura selvaggia e cultura

Organizzatori: Carlo Forlani, Elisa Rovatti, Francesco Galli

Gita di un giorno per 2 comitive

Descrizione

Grazie all’isolamento di secoli, la Valle dei Mòcheni, isola linguistica di origine tedesca, presenta un ambiente straordinariamente selvaggio in una cornice di colori formidabile. Ancora intatte le testimonianze della cultura e delle usanze di una popolazione che è riuscita a conservare la sua identità con l’amore per l’ambiente e la tutela del patrimonio storico-culturale. Partendo da località Frotten (1540 m), arriveremo al lago Erdemolo, piccolo lago di origine glaciale, dominato dalle propaggini occidentali dei Lagorai. Il gruppo naturalistico, visiterà la miniera-museo “De Gruab va Hardimbl”, in un viaggio imperdibile nelle viscere della terra. Dopo la miniera, si raggiungerà il lago Erdemolo. Chiuderà il percorso ad anello, attraversando praterie di oleandri, cirmoli e larici dalle forme inverosimili, fino a pullman. Il gruppo escursionistico, invece, raggiungerà direttamente il Lago Erdemolo e proseguirà per il Passo del Lago 2213 m., un vero balcone panoramico. Risalendo il crinale, fino alla cima del Monte del Lago 2328 m., saranno ancora visibili le trincee della grande guerra. Raggiunta la Forcella delle Conelle, inizierà il percorso di rientro scendendo il versante pietroso che man mano si farà più dolce, fino ad incrociare il percorso di rientro del gruppo naturalistico.

Difficoltà: E / EE, Escursionistica / Escursionistica per Esperti;
Dislivelli: Comitiva Nat: 460 m Comitiva EE: 800 m
Tempo di percorrenza: Comitiva Nat: 5 ore Comitiva EE: 7 ore
Partenza: ore 6.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 17 aprile 2018

da mer 30 mag 2018 a dom 03 giu 2018

Trekking nel parco del Pollino

da mer 30 mag 2018 a dom 03 giu 2018 - Trekking nel parco del Pollino

Organizzatori: Valeria Ferioli, Giovanni Morelli

Gita di più giorni per 1 comitiva

Descrizione

Viaggio insieme a Giovanni Morelli per scoprire il Pollino, il parco che custodisce alcuni tra gli alberi più affascinanti del nostro paese: i pini loricati, alberi dalle forme contorte e suggestive, frutto del confronto tra questi maestosi esemplari e la durezza dell’ambiente. Gli alberi, che vengono spesso considerati una semplice scenografia di fondo sul palcoscenico della natura, sono invece testimoni della storia del nostro pianeta. Molti di loro da secoli, qualcuno da più di mille anni, osservano le vicende dell’uomo, registrano eventi climatici e modificazioni, lente e repentine, del territorio. Scopriremo il Pollino seguendo il filo conduttore dei grandi alberi, apparentemente immobili ma vivi, testimoni quasi indifferenti dello scorrere del tempo, quasi fossero invulnerabili. Un’esperienza affascinante.

Difficoltà: EE, Escursionistica per Esperti;
Partenza: ore 20.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 06:00 del 4 giugno circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 6 febbraio 2018

Scarica la relazione completa

domenica 10 giugno 2018

Giro delle 3 cime del Bondone

domenica 10 giugno 2018 - Giro delle 3 cime del Bondone

Organizzatori: Andrea Benussi, Tiziano Dall’Occo

Gita di un giorno per 2 comitive

Dove andiamo:

Questa uscita ci porterà nelle vicinanze di Trento, nell’area del monte Bondone, uno spartiacque tra la Val d’Adige e la Valle del Sarca ad una quota compresa tra 1500 e 2200m.

Descrizione dell’area:  

Percorreremo il piccolo altopiano delle Viote racchiuso tra il monte Palon ad est, il gruppo montuoso del Bondone a sud e la Rosta ad ovest, entrando nei confini  della Riserva Naturale delle Tre Cime del Monte Bondone ed il Giardino Botanico alpino Viote. 

Il Gruppo del Bondone, per gran parte deturpato dagli impianti per gli sport invernali, qui presenta ancora un’area poco antropizzata e di particolare pregio ambientale. Conosceremo  la verdeggiante e poco conosciuta conca delle Viote, chiusa a sud  dalle cosiddette Tre Cime del Bondone: la tondeggiante Cima Verde a est,  l’imponente struttura del Doss d’Abramo, ed  il Cornetto ad ovest, la sommità più alta delle tre, dove ancora sono preservati  resti delle fortificazioni della prima guerra mondiale.

Interessi particolari in zona:  Il Giardino Botanico Viote, è considerato  uno dei giardini botanici più antichi ed estesi delle Alpi. Racchiuso in un’area di  10 ettari, ospita circa 2000 specie di piante, molte delle quali a rischio d’estinzione e perciò importanti dal punto di vista della conservazione.

Nelle immediate vicinanze del Giardino Botanico, in collaborazione con il MUSE ed Comune di Trento, è stato creato il Parco Giochi Alpino all’interno del quale è possibile ritrovare un Giardino Geologico, che ripercorre in piccola scala le peculiarità geologiche del territorio trentino.

Punto di appoggio/arrivo: Capanna Viote, Bar ristorante e solarium

Difficoltà: E / EEA, Escursionistica per Esperti / Escursionistica per Esperti e Attrezzati;
Dislivelli: Comitiva EEA: 800 m Comitiva EE: 600 m
Tempo di percorrenza: Comitiva EEA: 8 ore Comitiva EE: 5 ore
Partenza: ore 6.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 15 maggio 2018

Scarica la relazione completa

domenica 24 giugno 2018

Val Pramper – Belvedere di Mezzodì

domenica 24 giugno 2018 - Val Pramper – Belvedere di Mezzodì

Organizzatori: Gabriele Villa, Alessandro Zerbini

Gita di un giorno per 2 comitive

Descrizione

Questa gita viene riproposta come l’avevamo lasciata: prima rinunciando al pullman per scarsità di iscritti, poi annullandola per tempo pessimo dopo esserci organizzati in una quindicina per effettuarla lo stesso. Ciò consentirà di salire in Val Pramper con l’auto per partire dal Pian de la Fopa a 1200 metri; il percorso è vario, con tipici sentieri di montagna, un tratto attrezzato con cavo metallico, non difficile, un sentiero in falsopiano per arrivare al rifugio, dopo, il quale un ripido sentiero tra i mughi farà guadagnare il balcone panoramico del Belvedere di Mezzodì a quota 1.964 metri. Punto d’appoggio, a metà percorso, sarà il rifugio Sora ‘l Sass e la discesa avverrà passando da Casèra del Mezzodì, poi per ripido sentiero che riporta alla Val Pramper a chiudere l’anello. La Val Pramper e gli Spiz di Mezzodì sono luoghi poco frequentati di una montagna “aspra” che vale davvero la pena di conoscere meglio. La nota tecnica: Servono scarponi, imbragatura e il necessario per l’autoassicurazione sul tratto attrezzato. Casco e kit da ferrata sono consigliati, ma non obbligatori.

Difficoltà: EEA, Escursionistica per Esperti e Attrezzati;
Dislivelli: salita 716 metri; discesa 940 metri;
Tempo di percorrenza: Tempo per la salita: 5 ore (3 ore e ½ fino a Sora ‘l Sass + 1 ora e ½ al Belvedere) Tempo di discesa: 3 ore (1 ora per Sora ‘l Sass + 2 ore per Castelaz-Val Pramper)
Partenza: ore 6.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 22.30 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 29 maggio 2018

Scarica la relazione completa

da sab 07 lug 2018 a dom 08 lug 2018

Ferrata Bepi Zac

da sab 07 lug 2018 a dom 08 lug 2018 - Ferrata Bepi Zac

Organizzatori: Claudio Neri, Daniele Guzzinati

Gita di un giorno per 2 comitive

Descrizione

La gita è caratterizzata dal percorso dell’Alta Via Bepi Zac, che si svolge sul fronte italiano e austro-ungarico della Prima Guerra mondiale lungo la cresta di Costabella affacciata sul Passo di San Pellegrino. Il primo giorno partiremo con la nostra escursione poco oltre l’abitato di Pozza di Fassa, in Valle di San Nicolò (da quota 1.500 m), trasversale della Val di Fassa. Percorreremo tutta la Valle dei Monzoni per andare a raggiungere il rifugio Passo delle Selle (2.528 m) dove pernotteremo, coprendo un dislivello di ca 1000m in poco più di 3 ore di cammino. Il secondo giorno affronteremo l’Alta Via Bepi Zac, che parte in prossimità del rifugio, e la percorreremo fino al piccolo museo del Sass de Costabella, punto di osservazione italiano. Qui termina il nostro itinerario su via attrezzata attraverso la parte storicamente più interessante e relativa alle postazioni di guerra austro-ungariche e italiane (dislivello in salita ca 300 m). Scenderemo poi al Passo San Pellegrino (ca 4,30 ore di cammino effettivo) dove terminerà la nostra due giorni.

Difficoltà: EEA, Escursionistica per Esperti e Attrezzati;
Dislivelli: 1° giorno: salita 1000 m 2° giorno: salita 300 m, discesa 850 m
Tempo di percorrenza: 1° giorno 3-4 ore – 2° giorno: 4-5 ore soste escluse
Partenza: ore 6.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 12 giugno 2018

Scarica la relazione completa

domenica 15 luglio 2018

Col dei Bos / Val travenanzes

domenica 15 luglio 2018 - Col dei Bos / Val travenanzes

Organizzatori: Tiziano Dall’Occo, Ruggero Boaretti, Daniele Guzzinati

Gita di un giorno per 2 comitive

Descrizione

Un’escursione ed una ferrata che sono pensati non solo per i soci che hanno completato con successo i corsi di escursionismo, e hanno così la possibilità di mettere in pratica gli insegnamenti appresi, ma anche per tutti gli amanti delle escursioni in ambienti vari, senza affrontare percorsi troppo difficoltosi anche se lunghi. La val Travenanzes è l’ideale per tutti coloro che vogliono entrare in un ambiente meraviglioso per i paesaggi che si incontrano al di fuori dell’alta frequentazione delle Dolomiti, tra i maestosi massicci delle Tofane, del Lagazuoi e delle cime di Fanes. D’altra parte gli amanti dei percorsi attrezzati possono apprezzare il percorso della “ferrata degli alpini“ alla “Piramide” del Col dei Bos, percorso ben attrezzato con cavo e poche struttura artificiali, che consente di raggiungere la cima del Col dei Bos, punto panoramico invidiabile sulle Dolomiti.

Difficoltà: E / EEA, Comitiva E: Escursionistica / Comitiva EEA: Escursionistica per Esperti e Attrezzata;
Dislivelli: E; salita, 280 m; discesa, 1000 m; EEA; salita, 510 m.; discesa, 510 m
Tempo di percorrenza: E: 6,00-6,30 h; EEA: 4,30-5,00 ore;
Partenza: ore 6.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 19 giugno 2018

da sab 28 lug 2018 a dom 29 lug 2018

Ferrata Schuster

da sab 28 lug 2018 a dom 29 lug 2018 - Ferrata Schuster

Organizzatori: Leonardo Caselli

Gita di un giorno per 2 comitive

Descrizione

Entrambe le comitive il sabato partiranno da Passo Sella, dove si arriverà con il pullman, e passando letteralmente alle pendici del Sasso Lungo arriveranno al rif. Vicenza per il pernotto. Domenica la comitiva E partirà dal rif. Vicenza e girando attorno al Sasso Piatto raggiungerà il rif. Sasso Piatto, da li ritornerà al passo Sella per il sentiero Friedrich August toccando i rif. Pertini e Friedrich August. La comitiva EEA percorrerà, partendo sempre dal rif. Vicenza, la via ferrata Oscar Schuster che si conclude sulla cima del Sasso Piatto (2958m). Da li si scenderà verso il rif. Sasso Piatto e, come per la comitiva E, tramite il sentiero Friedrich August si ritornerà al passo Sella.

Difficoltà: E / EEA, Comitiva E: Escursionistica / Comitiva EEA: Escursionistica per Esperti e Attrezzata;
Dislivelli: 1° giorno: comitiva unica, 100 m. 2° giorno: Comitiva E: salita 215 m, discesa 290 m; Comitiva EEA: Salita 705 m, discesa 778m
Tempo di percorrenza: 1° giorno: comitiva unica, 2-3 ore. 2° giorno: Comitiva E: 4-5 ore; Comitiva EEA: 6-7 ore
Partenza: ore 6.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 3 luglio 2018

Scarica la relazione completa

da sab 18 ago 2018 a mar 21 ago 2018

Trekking tra le morene degli antichi ghiacciai

da sab 18 ago 2018 a mar 21 ago 2018 - Trekking tra le morene degli antichi ghiacciai

Organizzatori: Maria Beatrice Bonilauri, Elisa Rovatti, Francesco Galli

Gita di più giorni per 1 comitiva

Descrizione

Valgrisenche, Val di Rhêmes, Valsavaranche 4 giorni di escursioni Il tempo pare essersi fermato in questa piccola porzione delle Alpi Graie. La Valgrisenche e la Val di Rhêmes hanno sempre un po’ risentito del loro difficoltoso accesso, ma proprio per questo la loro grande ricchezza è l’ambiente montano. La Valsavarenche rappresenta il cuore del Parco Nazionale del Gran Paradiso, stretta e dai fianchi scoscesi nel tratto più a valle, larga e con un paesaggio maestoso nella parte in alta quota. Il nostro trekking si snoderà fra queste valli, percorrendo un tratto dell’Alta Via dei Ghiacciai. Cammineremo a fianco delle Dore, tumultuose e con l’acqua gelatinosa, cascate di varie forme e altezze, e bellissimi laghi e laghetti di alta quota. Incontreremo e costeggeremo diversi ghiacciai che, anche se notevolmente ridotti, sono sempre affascinanti. Poi ci sono sempre loro… stambecchi, marmotte, aquile, pernici , se saremo rispettosi e silenziosi potremmo incontrarli anche da vicino. Il nostro percorso si svolgerà sempre in alta quota fra i 2200 e i 3200 mt.

Difficoltà: EE, Escursionistica per Esperti;
Partenza: ore 6.30 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 26 giugno 2018

Scarica la relazione completa

da sab 25 ago 2018 a dom 26 ago 2018

Bocchette centrali

da sab 25 ago 2018 a dom 26 ago 2018 - Bocchette centrali

Organizzatori: Claudio Simoni, Daniele Guzzinati

Gita di 2 giorni per comitiva unica

Descrizione

Una delle vie ferrate più belle in assoluto. Non difficile, mai banale e spettacolarmente panoramica, con inizio e fine su vedretta, o coperta di neve oppure con il ghiaccio, in funzione del clima. Raggiunta Malga Vallesinella ci si dirige verso il Rif. Casinei prima, Brentei, dopo ed Alimonta alla fine, situato in un anfiteatro di dolomia a 2580 metri, dove pernotteremo. Il giorno successivo, partenza per la ferrata con direzione Bocca dell’Armi, Bocca di Brenta e poi discesa per Val Brenta Alta fino al RifBrentei, Dopo breve sosta, giù fino a Malga Vallesinella. I trasferimenti da / per Madonna di Campiglio si faranno con autobus di linea. NOTA BENE: – Si richiede un buon allenamento fisico per i dislivelli e la lunghezza dei percorsi. – E’ richiesta l’attrezzatura omologata da ferrata: casco, dissipatore, imbrago intero o combinato, due moschettoni a pera tipo H ed uno/due cordini da prusik – Per il momento è prevista una comitiva unica in ferrata, con la disponibilità a allestire anche una comitiva escursionistica, con un numero congruo di richieste.

Difficoltà: EEA, Escursionistica per Esperti / Escursionistica per Esperti e Attrezzati;
Dislivelli: 1° giorno: salita 1070 m 2° giorno: salita 300 m, discesa 1370 m
Tempo di percorrenza: 1° giorno 4/5 ore – 2° giorno: ferrata 5 ore – discesa 3/4 ore – soste escluse
Partenza: ore 6.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 31 luglio 2018

Scarica la relazione completa

da sab 22 set 2018 a dom 23 set 2018

Giro del Mulaz

da sab 22 set 2018 a dom 23 set 2018 - Giro del Mulaz

Organizzatori: Claudio Neri, Daniele Guzzinati

Gita di più giorni per 1 comitiva

Descrizione

Un’escursione di due giorni nel gruppo delle Pale di san Martino, senza particolari difficoltà tecniche che porterà, chi lo desidera, fino alla cima del monte Mulaz (2906m).

Il primo giorno prevede la partenza dell’escursione dall’ingresso della Val Venegia (1680m) ed ha come meta il rifugio Volpi di Misurata al Mulaz (2571m).Si percorrerà la carrareccia che costeggia dapprima Malga Venegia poi Malga Venegiota, fino ad incontrare l’incrocio con i sentieri 710/749. Seguendo il sentiero 710 si raggiungerà dapprima il Passo Mulaz e, subito di seguito, il Rifugio Mulaz (2571m) dove è prevista la cena ed il pernottamento.

Per il primo giorno il dislivello complessivo in salita sarà di ca 900m da coprire in ca 3 ore e mezza escluse le soste.

Il secondo giorno la comitiva salirà (facoltativo) il monte Mulaz (2906) in ca 1 ora. Al rientro il gruppo riunito ripercorrerà il sentiero verso il passo Mulaz prendendo poi il sentiero 710a verso Baita Segantini (2170m). Da qui si salirà al Cristo pensante (2333m), nella zona del Castellazzo, per poi scendere verso Capanna Cervino e di seguito a Passo Rolle dove terminerà la due giorni.

Per il secondo giorno il dislivello complessivo in salita sarà di ca 380m ed in discesa di ca 1087m da coprire in ca 5 ore escluse le soste (chi sale sulla cima del monte Mulaz deve aggiungere 335m in salita e in discesa e circa 2 ore di cammino in più).

Difficoltà: EE, Escursionistica per Esperti;
Dislivelli: 1° giorno: salita 900 m 2° giorno: salita 380 m, discesa 1100 m (chi salirà cima Mulaz dovrà aggiungere 335m in più sia in salita sia in discesa);
Tempo di percorrenza: 1° giorno 3-4 ore – 2° giorno: 4-5 ore soste escluse (2 ore in più per chi sale cima Mulaz)
Partenza: ore 6.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 28 agosto 2018

domenica 07 ottobre 2018

Piccole dolomiti

domenica 07 ottobre 2018 - Piccole dolomiti

Organizzatori: Donatella Succi Cimentini, Claudio Simoni, Ruggero Boaretti

Gita di un giorno per 2 comitive

Descrizione

Il Sengio Alto è un sottogruppo delle Piccole Dolomiti nelle Prealpi venete, orientato da nord a sud, fra il passo di Pian delle Fugazze e il Passo di Campogrosso. Su questo gruppo si trova un suggestivo sentiero di arroccamento, realizzato dalle truppe alpine nel 1916, ricco di osservatori e postazioni che occupano l’intera cresta. L’escursione parte dal Pian delle Fugazze e prevede due comitive una che percorrerà il panoramico sentiero di arroccamento raggiungendo la cima del Monte Cornetto (1899 m) mentre l’altra aggirerà tutto il Sengio Alto ammirandone il famoso profilo divenuto simbolo delle Piccole Dolomiti. Entrambe le comitive raggiungeranno il rifugio Campogrosso e torneranno al punto di partenza percorrendo la strada del Re con il nuovissimo ponte di corde in acciaio lungo 105 metri e visiteranno l’Ossario del Pasubio che si trova lungo il percorso.

Difficoltà: E / EE, Escursionistica per Esperti / Escursionistica per Esperti e Attrezzati;
Dislivelli: Comitiva EE: 800 m Comitiva E: 400 m
Tempo di percorrenza: Comitiva EE: 7 ore Comitiva E: 5-6 ore
Partenza: ore 6.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 11 settembre 2018

domenica 14 ottobre 2018

Interregionale – Tutti i sentieri portano alla Pietra di Bismantova

domenica 14 ottobre 2018 - Interregionale - Tutti i sentieri portano alla Pietra di Bismantova

Organizzatori: da definire

Gita di un giorno per comitiva unica

Descrizione

La destinazione per l’Interregionale 2018, organizzato dalle sezioni di Reggio Emilia e Castelnovo ne’Monti, è la Pietra di Bismantova e, come da tradizione, ci saranno diverse possibilità di percorso, dalla facile escursione fino alla ferrata. La Pietra di Bismantova è quel massiccio roccioso dall’inconfondibile ed isolato profilo a forma di nave che contraddistingue il paesaggio dell’Appennino Reggiano. È situata nel comune di Castelnovo ne’ Monti, ed essendo un elemento del paesaggio così unico e rappresentativo, è da sempre emblema di questi luoghi. Attendiamo il programma ufficiale per aventuraci alla scoperta di questo particolare ambiente.

Difficoltà: E / EE / EEA, Escursionistica per Esperti / Escursionistica per Esperti e Attrezzati;
Dislivelli:
Tempo di percorrenza: ??? ore soste escluse
Partenza: ore 6.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 18 settembre 2018

domenica 28 ottobre 2018

Gita di fine stagione

domenica 28 ottobre 2018 - Gita di fine stagione

Organizzatori: Gita di fine stagione

Gita di un giorno per comitiva unica

Descrizione

Le castagne saranno solo un pretesto per trascorrere tutti assieme una giornata in montagna. La destinazione scelta è il rifugio Erterle, un piccolo rifugio immerso nei boschi di faggi, larici e abeti, nel periodo migliore per apprezzare i colori dell’autunno. Il pullman ci accompagnerà a Vetriolo Terme e con una tranquilla passeggiata nel bosco arriveremo al rifugio Erterle. Durante il percorso di andata, passeremo per l’antica miniera di Cinquevalli, collocata su entrambi i versanti della valle scavata dal Torrente Argento, che prende proprio il nome da uno dei minerali estratti. Invece al ritorno, con una piccola deviazione, passeremo per Malga Masi, dove il proprietario ci accompagnerà nella visita del suo allevamento.

Difficoltà: E, Escursionistica;
Dislivelli: salita 250 metri; discesa 280 metri;
Tempo di percorrenza: 2 ore soste escluse
Partenza: ore 6.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 21.00 circa;

Apertura iscrizioni: martedì, 2 ottobre 2018

Data da definire

Marcia per la Pace Perugia – Assisi

Organizzatori: Gianna Tebaldi

Gita di un giorno per comitiva unica

Descrizione

Parteciperemo alla manifestazione “Marcia per la Pace Perugia – Assisi”, organizzata dal movimento pacifista italiano. La marcia viene svolta solitamente tra fine settembre e metà ottobre e si snoda per un percorso di circa 24 chilometri, da Perugia fino ad Assisi. La prima marcia si svolse domenica 24 settembre 1961 su iniziativa di Aldo Capitini e voleva essere un corteo nonviolento che testimoniasse a favore della pace e della solidarietà dei popoli. Nel suo libro “Opposizione e liberazione” Capitini descrisse l’esperienza della marcia: « Aver mostrato che il pacifismo, che la nonviolenza, non sono inerte e passiva accettazione dei mali esistenti, ma sono attivi e in lotta, con un proprio metodo che non lascia un momento di sosta nelle solidarietà che suscita e nelle noncollaborazioni, nelle proteste, nelle denunce aperte, è un grande risultato della Marcia » In questa occasione venne per la prima volta utilizzata la Bandiera della pace, simbolo dell’opposizione nonviolenta a tutte le guerre. Vi aggiorneremo sui dettagli della nostra partecipazione.

Difficoltà: T, Turistica;
Dislivelli:
Tempo di percorrenza:
Partenza: ore 6.00 dal piazzale Dante Alighieri
Rientro: ore 20.00 circa;

Apertura iscrizioni: da definire